Di donne se ne parla ovunque, ma un nuovo punto di vista emerge dai podcast fatti dalle donne per riflettere sulla società in cui viviamo, a volte con ironia, a volte con rabbia, ma sempre senza mezzi termini. Da ascoltare ovunque per saperne di più, approfondire temi attuali o lontani nel tempo.

Qui una selezione di podcast tutti al femminile da ascoltare per ispirazione:

Quasidì

E’ un’idea di Valentina Tomic e Ilenia Zodiaco. È un podcast indirizzato alla generazione di chi è quasi adulto, per riflettere sulla responsabilità sociale, sulla politica, sull’ambiente e sul femminismo. Temi importanti presentati con chiarezza, che mettono insieme notizie di attualità e opinioni forti: il punto di vista femminile e quasi adulto sulla società odierna.

Perché ascoltarlo? Per rimanere aggiornati e per costruirci una visione chiara su ciò che accade attorno a noi.

Spreaker | Spotify | YouTube | iTunes

Ordinary Girls

E’ prima un programma radiofonico su Radio Popolare con Elena Mariani e Florencia Di Stefano-Abichain. Un programma femminile e femminista che si propone di mostrare la realtà attraverso gli occhi di due ragazze normali che affrontano diversi temi della cultura pop, ma in chiave leggera, come fosse semplicemente una chiacchierata tra due amiche.

Perché ascoltarlo? Per capire che abbiamo tutte gli stessi dubbi e problemi, perché siamo tutte normali, per riderci su.

iTunes

Senza Rossetto

E’ il podcast di Giulia Cuter e Giulia Perona nato in occasione del settantesimo anniversario del primo voto politico delle donne italiane. Ci raccontano le donne di ieri e quelle di oggi: in ogni episodio, attraverso la voce o le parole scritte di una scrittrice contemporanea, viene affrontato il tema delle convenzioni sociali e ciò che ci si aspetta in generale dall’universo femminile.

Perché ascoltarlo? Per ricordare da dove veniamo e per capire dove stiamo andando.

Spreaker | iTunes | SpotifyQuerty.

Morgana

E’ il podcast di Michela Murgia. Qui ci sono racconti di donne fuori dagli schemi, controcorrente, lontane da stereotipi. Donne diverse e difficili da collocare: che vogliono piacersi e non compiacere nessuno quindi non hanno paura di essere pericolose o esagerate. Belle e terribili, un po’ fate, ma come suggerisce il titolo, molto streghe.

Perché ascoltarlo? Per non avere paura di essere diversa, per ricordarci di combattere per i nostri ideali, per essere una morgana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *