Ci sono giornate in cui si è bombardati da email, telefonate, riunioni, lamentele. E poi scadenze, ritardi, pressioni dal capo, screzi con i colleghi.

I fattori di stress da lavoro, detti “stressor” sono differenti e molteplici, ma in tutti i casi si tratta di un peso non facile da gestire che in Europa interessa almeno 1 lavoratore su quattro.

Come intervenire per abbassare i livelli di stress? Come si possono individuare i fattori scatenanti e ridurli al minimo?

Ecco alcune mosse per fronteggiare lo stress, trasformare l’ansia in energia positiva e ritrovare il giusto equilibrio fondamentale per essere sereni e produttivi. Infatti, lo stress può mettere a dura prova il benessere psico-fisico con un impatto negativo sulla qualità della nostra vita, toccando la sfera personale e quella lavorativa.

1. La meditazione

La meditazione è un rituale che aiuta a rilassare la mente e allontanare tutti i pensieri negativi e le preoccupazioni. Praticatela anche comodamente a casa, con l’obiettivo di ritrovare la calma e la serenità e rilassare la tensione fisica. Alla sera prima di coricarvi oppure al mattino se vi sentite agitati prima di recarvi al lavoro. Trovare il proprio io interiore eliminando lo stress può essere davvero soddisfacente!

2. Fare un buon riposo

Per gestire lo stress è importante assicurarsi di dormire sufficientemente. Il buon riposo ci permette di affrontare le sfide quotidiane e gli impegni con più energia, mentre quando si dorme poco o male ci si sveglia già stanchi e nervosi, innescando un circolo vizioso. Meglio quindi adottare delle abitudini che favoriscano il riposo notturno: non esagerare a tavola durante il pasto serale, ascoltare della musica o leggere un libro prima di andare a dormire, sorseggiando un infuso o una tisana rilassante alle erbe.

3. Dire più spesso di no

Troppo spesso lo stress lavorativo è causato da una mole esagerata di incarichi. Va benissimo essere diligenti e stakanovisti, ma trovarsi gravati da più compiti e richieste di quelle che si riescono a gestire, porterà solo stress e logoramento. Quindi, per cercare di sopravvivere al meglio ed evitare lo stress, impara anche a dire di no senza sentirti in colpa.

4. La pianificazione

Imparare a pianificare i vari impegni e le urgenze è fondamentale per gestire lo stress. Ad esempio, stilare una to-do-list precisa e quotidianamente aggiornata, pianificare in anticipo anche eventi a lungo termine, annotare sempre gli appuntamenti e saper delegare del lavoro. In questo modo si riesce ad organizzarsi meglio, ottimizzando costi e tempo, a mantenere gli impegni e le scadenze senza particolari difficoltà, riducendo inevitabilmente il carico di stress.

5. Scollegarsi

Separarsi dallo smartphone per qualche ora e dai social network ci aiuta a tenere lo stress sotto controllo.

Essere continuamente iperconnessi, monitorare costantemente le email o controllare di continuo i propri profili social sembra rappresentare una vera dipendenza comportamentale. Da uno studio americano è emerso che un eccessivo controllo dei profili social – ribattezzata dagli esperti “social obsession” – porta i soggetti ad essere più stressati di chi non li controlla tanto spesso. Staccare la spina di tanto in tanto non ha mai fatto male a nessuno, per cui non preoccupiamoci di certo se ogni tanto teniamo il cellulare lontano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *