L’acquisto di una casa è senz’altro un passo importante nella vita di una coppia o di un single, nonché un impegno a lungo termine e considerevole a livello finanziario che non va assolutamente fatto a cuor leggero.

Si tratta di un investimento che comporta grandi sacrifici e un forte impegno economico ed è per questo che prima di compiere questo passo, occorre sapere quali possono essere gli imprevisti, gli aspetti tecnici e burocratici ed eventuali variabili da considerare, al fine di chiarire dubbi e perplessità prima di firmare il contratto e comprare la prima casa.

Ecco quindi un breve vademecum su quello che è utile sapere prima di comprare la prima abitazione di proprietà e di conseguenza diventare proprietari di un immobile.

Non avere fretta

La primissima regola che vale per qualsiasi acquisto di una certa importanza è di non aver fretta nel concludere l’affare. Comprare casa richiede tempo, pazienza e molta cautela per essere davvero certi che si tratti della casa giusta e adatta alle proprie esigenze. Non può essere avventato l’acquisto della prima casa: è utile confrontare più annunci, rivolgersi a più agenzie e visionare qualche casa in più, oltre a contrattare sul prezzo e togliersi ogni tipo di perplessità.

Meglio evitare l’acquisto da privato (a meno che non sia un conoscente di cui potersi fidare alla cieca o un parente) ma affidarsi ad un professionista del settore o ad un’agenzia immobiliare che sanno sicuramente dare le dritte e i consigli giusti.

E’ un passo spesso rincorso e atteso a lungo ma non essendo una scelta così semplice serve riflettere con calma, prestare le giuste attenzioni facendosi assistere da un geometra, architetto o ingegnere per assicurarsi di fare un buon affare senza sbagli.

Fare i giusti calcoli

Fate bene i conti prima di comprare la prima casa, perché oltre all’anticipo e al mutuo che sono le spese più consistenti da affrontare, vi troverete a dover sostenere anche altri costi: l’imposta di registro, le spese per il rogito, l’IVA se si tratta di un appartamento nuovo, l’assicurazione sul mutuo, la tariffa di intermediazione per l’agenzia e l’assicurazione casa una volta acquistata la dimora. Oltre a ciò dovrete mettere in conto i costi per l’acquisto degli arredi, l’IMU (se non è la prima casa) o eventuali ristrutturazioni/riparazioni della casa dove necessario.

Fare le domande giuste

Una volta individuate alcune case che possono fare al caso vostro, per un acquisto sicuro, informatevi a fondo su ciò che state per acquistare. Qui non parliamo di un vestito nuovo da un centinaio di euro che si può rendere con facilità, per cui è più che lecito voler sapere quali sono le condizioni della casa in generale, l’anno di costruzione, lo stato dei pavimenti e degli infissi, se è conforme dal punto di vista urbanistico e catastale, se ci sono degli interventi necessari da sostenere o impianti da regolamentare.

Altro aspetto da non dimenticare è quello di controllare la documentazione della casa, la presenza di eventuali ipoteche, le conformità degli impianti e altre certificazioni come quella energetica, ma soprattutto i documenti che di solito il notaio non legge.

Se state per acquistare un appartamento in un condominio, accertatevi che il precedente inquilino abbia provveduto a saldare tutte le spese condominiali – ordinarie e straordinarie – dal momento che l’amministratore può addossare ai nuovi proprietari eventuali debiti risalenti fino a due anni prima.

Prima di fare il rogito, fate un giro di persona nel quartiere in cui sorge la casa e verificate che sia una zona tranquilla, sicura e non eccessivamente rumorosa, oltre a valutare la posizione dell’abitazione rispetto agli spostamenti quotidiani e ai servizi e negozi nei dintorni che contribuiscono ad agevolare la quotidianità. Certamente per una famiglia con bambini può essere fondamentale che la casa si presenti in una zona ben collegata ai mezzi pubblici e vicino ad aree verdi e scuole. Valutate che la casa rispecchi quelle che sono le vostre aspettative in termini di vivibilità e magari sentite anche i pareri di chi abita nella zona da tempo.

Non resta che augurarvi un grosso in bocca al lupo per questo importante passo.

E voi, avete altri consigli da aggiungere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *