Stravizi culinari, pandori e panettoni, chili accumulati, pesantezza e gonfiore. Tra pranzi in famiglia e cenoni in compagnia, la quantità di calorie assunte aumenta in modo vertiginoso e l’ago della bilancia parla chiaro. Secondo alcuni studi, gli esperti calcolano che in media gli italiani accumulano 3 kg di peso in più rispetto all’inizio delle feste.

Per questo motivo appena passata l’Epifania, in preda ai sensi di colpa ci si chiede come smaltire i chili presi e come ripristinare le corrette abitudini alimentari.

Per sentirsi di nuovo in forma e per eliminare scorie e tossine, basta mangiare i cibi giusti e fare un po’ di moto. Ma cosa serve mangiare esattamente per depurare l’organismo dopo le feste? Quali alimenti è meglio introdurre e quali evitare per un effetto detox assicurato?

Ecco i consigli su cosa mangiare per smaltire in modo naturale gli eccessi gastronomici natalizi.

Fidatevi, il vostro corpo e la vostra silhouette vi ringrazieranno.

 

Cibi di stagione

Per seguire un’alimentazione equilibrata gli specialisti consigliano di assumere cibi di stagione nel momento in cui maturano naturalmente, scegliendo tra diverse varietà di frutta e verdura. Una raccomandazione da non sottovalutare soprattutto dopo le grandi abbuffate natalizie.

L’ideale sarebbe consumare 2 porzioni al giorno di frutta e di verdura fresca e cruda oppure cotta a vapore in modo da preservare il più possibile le caratteristiche nutrizionali dell’alimento. Sì quindi ai cibi buoni e freschi ricchi in vitamine e sali minerali come arance, pompelmi, kiwi, mandarini, pere, cavolfiore, carciofi, finocchi, radicchio, porri, verza e broccoli.

Tè e tisane

Bere tè e tisane – non zuccherate e possibilmente dall’effetto drenante – è molto efficace per depurare il fisico dai grassi e dagli zuccheri accumulati sotto le feste.

Queste bevande sono ottime al mattino a colazione, a merenda o dopo cena, da consumare anche con l’aggiunta di zenzero e limone. Grazie alle proprietà depurative, benefiche e disintossicanti, vi sentirete subito più leggere e depurate.

Inutile dire che per accelerare il processo depurativo e velocizzare il recupero si raccomanda di bere molto acqua, almeno 2 litri al giorno.

A colazione

Scordiamoci la solitaria tazzina di caffè al volo o peggio ancora, saltare il più importante pasto della giornata nella speranza di dimagrire. Per colazione, partire con uno yogurt magro al naturale o latte scremato, un caffè americano o non zuccherato, 2 fette biscottate integrali con miele o marmellata e un frutto di stagione (e volendo anche della frutta secca e semi oleosi), sarebbe decisamente il top. La colazione deve essere leggera e nutriente ma non deve appesantire l’organismo. Sì a cibi che stimolano il transito intestinale e rinforzano la flora batterica. Evitare brioche, biscottini, dolci confezionati o confetture piene di zuccheri e dolcificanti.

Pranzo, spuntino e cena

Optare per fonti integrali di carboidrati complessi (pasta, riso, orzo, kamut) e zuppe di verdure. Un esempio potrebbe essere un buon piatto di pasta integrale condita con olio evo o al pomodoro accompagnato da una porzione di broccoli o cavolfiori lessi per pranzo e una zuppa a base di verdure e legumi per cena. Oppure un piatto di riso integrale condito con del tonno e alla sera un secondo piatto di pesce bianco alla griglia e patate in umido o del petto di pollo/tacchino con misticanza e carote grattugiate fresche. Se siete di corsa, per la pausa pranzo piuttosto del solito panino con salumi, scegliete un’insalata con misticanza, formaggio grana a scaglie, crostini integrali e noci tritate oppure un panino con pane integrale farcito con mozzarella e verdure crude oppure una piadina di kamut con ricotta di capra, foglioline di spinaci freschi e bresaola.

E se non riuscite proprio fare a meno del dessert, un paio di volte a settimana potete concedervi un pezzettino di cioccolata fondente oppure una macedonia di frutta o dell’ananas servito con una pallina di gelato al limone.

Per quanto riguarda lo spuntino, il lavoro e lo studio vanno interrotti con cibi sani come una mela, una spremuta di agrumi, oppure uno yogurt al naturale, delle gallette/cracker integrali o della frutta secca.

Evitate in qualsiasi caso di digiunare o di saltare i pasti per compensare gli eccessi precedenti e cercate di astenervi da diete dall’effetto miracoloso perché fanno più danni che altro. Inoltre, abbinando alla dieta disintossicante anche del sano movimento, l’effetto benefico sarà ancora più evidente e rapido.

Cosa limitare?

A causa degli eccessi a tavola durante le feste natalizie, gli organi digestivi appaiono sovraffaticati. Per accelerare il processo depurativo serve introdurre i cibi giusti, ma bisogna anche fare attenzione a quali sono quelli da cui stare alla larga. Nel periodo immediatamente successivo alle feste, conviene eliminare i dolciumi, i cibi fritti, quelli raffinati ed elaborati pieni di grassi saturi e idrogenati, gli insaccati, le bevande gassate e gli alcolici. Meglio ridurre salse come maionese, ketchup, panna e il sale e gli insaporitori già pronti ma usare spezie ed erbe aromatiche. Carne, latticini e uova non vanno necessariamente esclusi, ma ridimensionati.

Seguendo questi semplici consigli tornerete in forma senza rinunciare al piacere della buona tavola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *